You are hereLe origini di maremma

Le origini di maremma


By admin - Posted on 06 maggio 2010



La storia geologica della Maremma inizia nell'Era Paleozoica con la formazione delle UNITA' LIGURI -PIEMONTESI, che nella Provincia di Grosseto, hanno determinato locali affioramenti sulla sponda occidentale del M.te Argentario di Argilloscisti, Calcari neri e ofioliti. Il Gruppo delle Argille e dei calcari, risalente all'Era Terziaria interessa, infatti, a macchia di leopardo il territorio provinciale, ove si rinvengono depositi di Argille e Calcari. La formazione geologica denominata Pseudoverrucano, risalente a tale epoca, si caratterizza per almeno tre formazioni principali che interessano il territorio provinciale e cioè, PARCO NATURALE della MAREMMA con Arenarie, Quarziti e Calcari arenacei ; Area di PUNTA DELLE ROCCHETTE con la sua geologia di tipo calcareo-marnoso ed il territorio di MONTEBRANDOLI con il suo Calcare /Dolomia. Sia nel periodo Miocenico che Pliocenico (Era Terziaria) vi furono trasgressioni marine, con l'acqua che raggiunse aree mai sommerse precedentemente; infatti per TRASGRESSIONE s'intende un evento geologico durante il quale il livello del mare si innalza rispetto alla terra e la linea costiera si muove verso terreni più elevati, allagando in precedenza scoperte. La trasgressione marina è tipica dei periodi Interglaciali delle Glaciazioni quaternarie, periodi nei quali l'acqua raggiunse notevoli livelli. Si formarono così i bacini lacustri nelle aree depresse racchiuse tra le varie dorsali . Tipiche formazioni geologiche che si generarono nel periodo periodo miocenico medio e superiore, sono le placche di ARENARIA che poggiano su Argille e Calcari. L'insieme di depositi costituiti da: Arenarie di varia granulometria, alternate a Argilliti, Siltiti ( tipo di roccia sedimentaria a granulometria molto fine) ed altre componenti geologiche prende il nome di MACIGNO. Durante l'Era Quaternaria vi furono depositi di Sabbie rosse nei dintorni di Grosseto; sono di questo periodo, nelle aree dei rispettivi bacini lacustri, la Valle dell' OMBRONE con il corso d'acqua principale e il sistema dei suoi affluenti, e la Valle dell' ALBEGNA. Ancora di questo periodo sono le formazioni tufacee che interessano gran parte del territorio del Monte Amiata hanno avuto origine durante questa fase, a seguito di manifestazioni vulcaniche piroclastiche effusive. Dal punto di vista geofisico, il territorio della Provincia di Grosseto è un'area praticamente esente da attività sismica, escludendo manifestazioni di lieve entità nelle zone interne che può raggiungere livelli moderati sulle Colline Metallifere e sull' Amiata che, non dimentichiamo è un vulcano ormai spento in periodo preistorico.per l'amico Carlo Maria Galli

 

 

CARLO GORI